Showing 2 Result(s)

Azioni illiquide delle Banche, L’ACF : il risparmiatore deve essere risarcito se la valutazione di adeguatezza o appropriatezza si basa su informazioni inattendibili.

La vicenda Il caso concreto riguardava operazioni finanziarie effettuate da due risparmiatori al dettaglio (consumatori), una madre ed un figlio, per i quali, la Banca intermediaria, in pieno conflitto di interessi, aveva considerati adeguati ed appropriati la negozizione di azioni dello stesso istituto. La vendita di azioni, veniva presentata ai Clienti come un investimento “sicuro” …