La Banca restituisce ad una Società di Roma Euro 20.000 ed estingue lo swap senza commissioni. Transatta in corso di causa.

Una società di capitali di Roma aveva stipulato un derivato IRS con una Banca. Lo strumento finanziario in realtà si è successivamente rilevato inadeguato e privo di un effettivo scopo di copertura, tanto da generare cedole negative per il Cliente per un ammontare pari a circa Euro 100.000,00. 

Il cliente, aveva adito l’ACF, ottendo, tuttavia, una pronuncia negativa.

Il Giudizio

Instaurato il Giudizio dinanzi al Tribunale di Roma, la società, difesa dall’Avv. Claudio Lovallo, ha eccepito specifiche violazioni normative in tema di trasparenza e correttezza da parte della Banca. In particolare è stata rilevata la mancata determinazione del mark to market e la mancata comunicazione delle informazioni sugli scenari probabilistici e dunque la violazione dei doveri informativi previsti in capo all’intermediario. La Banca, per converso, dopo essersi costituita ha ribadito la regolarità del prprio operato. Il Giudice  ha ritenuto di disporre  una Consulentza Tecnica d’Ufficio.

La Transazione

Prima del deposito dell’elaborato peritale, Le Parti hanno inteso addivenire ad una transazione in forza della quale la Banca si impegnava a restituire al Cliente un importo pari ad Euro 20.000,00 accordando la possibilità di estinguere il derivato senza dover corrispondere le commissioni per l’estinzione anticipata dello swap, e quindi con un uleteriore beneficio per il Cliente di ulteriori circa Euro 8.000,00.


Se vuoi far analizzare un contratto derivato non esitare a contattarci per un consulto

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *